Digital Fundraising e Art Bonus: l’opportunità è adesso

Francesca Arbitani
Country Manager Italia
iRaiser

A differenza dei paesi anglosassoni, in Italia il sostegno delle istituzioni culturali con donazioni piccole e medie non è particolarmente diffuso. Spesso, quando si parla di donazioni e cultura si pensa a grandi donazioni a Mecenate e al mecenatismo: un ricco romano, il braccio destro dell’imperatore Augusto, che passò alla storia come protettore degli artisti e della cultura.

Ma come il mare è fatto di tante gocce, anche nella raccolta fondi per la cultura, ognuno con il suo piccolo contributo può fare la differenza.

Con l’emergenza pandemica e le difficoltà a cui il settore culturale ha dovuto far fronte il digital fundraising è diventato una risposta. Il benchmark 2020 di iRaiser parla chiaro: su 1,8 milioni di euro raccolti in Italia da oltre 30 clienti, l’11% è stato raccolto da 5 clienti del settore culturale (tutti hanno lanciato le proprie raccolte fondi nella seconda parte del 2020). E la donazione media si è attestata sui 120€, ben al di sopra di qualsiasi media tradizionale per le organizzazioni nonprofit.

Ma perchè il fundraising, e soprattutto il digital fundraising, sono opportunità da cogliere ora?

Abbiamo tante ragioni, ma ve ne diciamo tre:

1. Ci si accorge di quanto vale una cosa proprio quando la si perde

La pandemia ha messo in crisi la cultura ma l’ha anche messa sotto i riflettori. Le persone hanno paradossalmente preso coscienza del suo valore e delle sue forme di finanziamento proprio quando non potevano più usufruirne.

2. Le organizzazioni culturali sono organizzazioni non profit con una missione sociale

Crisi o non crisi, pandemia o non pandemia, per non diventare d’elite le istituzioni culturali hanno bisogno di tante persone per sostenersi, e in questo momento anche il grande pubblico se n’è reso conto.

3. Digital First

In un momento in cui le interazioni tra persone e i movimenti sono limitati, avere la possibilità di raggiungere tutto e tutti senza confini, direttamente sui propri smartphone fa decisamente la differenza.

Per le organizzazioni pubbliche in Italia c’è poi un’ulteriore possibilità. Nel 2014 il Governo Italiano ha istituito infatti l’Art Bonus: un’agevolazione fiscale per le donazioni a favore di alcune categorie di enti culturali gestiti dalla PA. Stiamo parlando di un 65% di credito di imposta ripartito in 3 quote annuali (con limiti di reddito diverso per individui e aziende). Un vantaggio che non trova precedenti in nessun settore! Questo tipo di incentivo è particolarmente vantaggioso anche per le piccole e medie donazioni. Per essere concreti riportiamo qui delle simulazioni

  • Donazione 50€ → costo al donatore dopo la detrazione 32,5€
  • Donazione 150€ → costo al donatore dopo la detrazione 52,5€
  • Donazione da 500€ → costo al donatore dopo la detrazione 175€

Nel 2020 con l’emergenza, le categorie degli enti beneficiari sono state ampliate e anche questa è un’opportunità da prendere letteralmente al volo. Il vantaggio fiscale non è la motivazione primaria per una donazione, ma è sicuramente un incentivo importante soprattutto per aumentare l’importo medio di donazione. E come sopra citato, la cultura parte da una donazione media di base molto alta dove un incentivo del genere diventa ancora più importante.
Fino ad oggi l’Art Bonus è stato utilizzato prevalentemente per coinvolgere grandi donatori e aziende, ma se unito al digital fundraising moltiplica le opportunità di raggiungere sempre più persone, con possibilità magari inferiori ma con una grandissima voglia di partecipare. Esplicitare in maniera smart questo vantaggio aiuta il donatore e può aumentare la donazione media.

Nel digital fundraising gli strumenti fanno la differenza e per questo è importante avere un form di donazione che:

  • Sia mobile oriented – nel 2020 il 47% dei donatori ha donato da mobile*
  • Integri più metodi di pagamento possibile – nel xx% di donatori ha donato con PayPal, Satispay, Google Pay e Apple Pay, e proprio per venire incontro alle esigenze del settore pubblico iRaiser ha integrato pagoPA con il Mibact.
  • Permetta di personalizzare la griglia di donazione evidenziando il vantaggio fiscale sulla base del target che stai sollecitando.

Coinvolgere i propri donatori “a casa propria”, ovvero sul proprio sito gestendo così l’intero processo di donazione, permette di fidelizzare il donatore sin dall’inizio: potrete quindi trasmettere per intero il vostro messaggio, governare la user experience della donazione digitale e avere sempre a disposizione i dati dei donatori.

Quindi carpe diem, il momento è adesso! 

Vuoi saperne di più?