Di Rebecca Thomson, International Sales Manager ad iRaiser

Ho avuto il piacere di lavorare su programmi di Corporate Engagement in Australia, nei paesi nordici e in Europa. In tutti i casi, a mio avviso, una buona partnership aziendale prospera quando entrambe le parti riconoscono l’aspetto commerciale del lavorare insieme.

“Secondo una ricerca del Cone Cause Evolution Study, “a parità di qualità e prezzo l’80% degli americani è disposta a cambiare brand, preferendone uno che sostenga un’organizzazione di beneficenza”

Il fatto è semplicemente che la reputazione del brand incide sui profitti, e le partnership filantropiche aiutano a costruire e sostenere un’immagine positiva. Ecco i miei cinque consigli per il successo del Corporate Engagement in un ambiente digitale.

1. Pensa in modo strategico: questa è una partnership commerciale

Entrambe le parti devono beneficiare dell’accordo. Entrambi i brand hanno un valore commerciale. Quando si considera una partnership, sia i CSR Manager che le organizzazioni non profit dovrebbero porsi delle domande: come si allineano le nostre organizzazioni? Abbiamo un pubblico target simile? C’è una connessione tra i nostri programmi? Come possiamo adattarci alla missione, alle finalità e agli obiettivi generali che guidano ogni organizzazione? E’ un po’ come per le relazioni sentimentali; valuta se chi hai davanti potrebbe essere il partner perfetto per te.

2. Considera l’offerta del prodotto

Quali prodotti di raccolta fondi digitali potete offrire e quali sono i potenziali punti di esposizione? Gli strumenti fondamentali per il digital fundraising sono una piattaforma di pagamento (che offra donazioni una tantum e donazioni mensili) e una piattaforma peer-to-peer. In tutti questi casi, sia il brand dell’organizzazione non profit che quello del partner aziendale sono visibili attraverso messaggi, video e immagini che possono essere incorporati nella piattaforma front-end, così come nella successiva corrispondenza e-mail di ringraziamento verso il donatore. Puoi mostrare visivamente la tua partnership aziendale e invitare facilmente il tuo staff, donatori, partner e clienti a condividere, donare o raccogliere fondi per la tua causa.

3. Coinvolgi lo staff

Quando si conduce una campagna digitale con un partner aziendale, dobbiamo considerare come coinvolgere il personale e a volte anche gli stessi clienti. Attraverso soluzioni di pagamento e peer-to-peer, i partner aziendali possono invitare il proprio personale ad unirsi alla causa.
Qui sotto un esempio:

“Questo Giving Tuesday invitiamo il nostro staff ad unirsi a noi nel sostenere Shelter UK, un’organizzazione il cui scopo è aiutare i senza tetto.; incoraggiamo il nostro staff a fare una donazione singola o a diventare un donatore regolare, semplicemente cliccando qui. Insieme al nostro staff, per questa importante causa puntiamo a raccogliere 20.000 sterline; e per dimostrare il nostro coinvolgimento, ci impegniamo a raddoppiare ogni sterlina donata in questa campagna”.

Ci sono infinte idee per lanciare una campagna su una piattaforma di donazione o di peer to peer. In ogni caso, ricordati sempre di motivare il tuo staff offrendo incentivi come “Matched Giving”. Anche individuare dei “testimonial” interni per la causa è importante: possono postare sui canali social, contattare e ringraziare i donatori e fornire aggiornamenti al resto dello staff.

4. Preparate insieme il vostro piano di Marketing

Per indirizzare il traffico verso la vostra raccolta fondi dovrebbe essere messo in atto un piano di marketing digitale. Una volta che un tema e una campagna sono stati concordati, l’organizzazione non profit e il partner aziendale possono creare insieme un piano. Combinate insieme i punti di forza e le conoscenze di tutti i reparti: digitale, amministrazione, raccolta fondi e responsabilità sociale, sia da parte dell’ONP che dell’azienda. Prestate attenzione ai canali di comunicazione; i database di posta elettronica, i canali social, gli “ambasciatori” interni, i VIP, gli influencer, la pubblicità digitale, il sito web, le pubbliche relazioni, e così via.

In ogni caso, grazie ad iRaiser potrete seguire la vostra campagna di marketing fino al momento della donazione, così potrete monitorare in “tempo reale” (grazie al nostro avanzato backend) quali sono i canali che generano il maggior traffico. Quando preparate il vostro piano di marketing, considerate come i vostri clienti saranno coinvolti ed esposti al vostro programma. La vostra campagna è riconoscibile come unica? Potrebbe diventare un contenuto virale? Quando si pianifica insieme, sia le organizzazioni che il personale coinvolto hanno la responsabilità e la spinta per sostenere la campagna.

5. Quanto vale la tua proposta??

Spesso vedo le Organizzazioni non Profit sottostimare il valore della partnership e del loro brand: ricorda che stai sostenendo una causa importante, che spesso salva delle vite, e che ha bisogno di donazioni e attenzione del pubblico per andare avanti. Considera quanto la tua organizzazione sta chiedendo e quanto all’azienda costerebbe, per un’iniziativa con lo stesso livello di coinvolgimento, ingaggiare un’agenzia. Per fare qualche esempio, i partner aziendali possono mostrare il loro sostegno facendo una grande donazione per dare il via alle donazioni, coprendo i costi di transazione, o facendo matching gift.

Infine, dobbiamo sempre ricordarci di ringraziare i nostri fundraiser e donatori; senza di loro, l’importante lavoro delle nostre organizzazioni sarebbe pressoché impossibile.

Per ulteriori consigli, e per scoprire come utilizzare le nostre soluzioni di digital fundraising, contatta oggi stesso un membro del nostro team.

Rebecca Thomson – International Sales Manager

Business vector created by freepik